cover eventi estate borrello

Cascate del Verde – Estate 2023

Presentati gli eventi estivi della Riserva Naturale Regionale/Oasi WWF Cascate del Verde

 

Pronti per accogliere visitatori e turisti e fargli vivere esperienze uniche e formative, imparando e scoprendo la meravigliosa biodiversità della Riserva che ospita le Cascate Naturali più alte dell’Appennino.

Laboratori didattici, benessere all’aria aperta e tanta voglia di stare in Natura.

Si inizia il 15 luglio! Cerca l’evento che ti interessa di più e segnati la data.

Per informazioni e prenotazioni contattare i numeri indicati:

Infopoint – 389/6840840 – 0872/945022 (tutti i giorni 9:00/12:00 – 15:00/18:00).

Cover atri 2023

Calanchi d’Estate 2023

Tornano gli eventi e le attività per grandi e piccini presso l’Oasi WWF Calanchi di Atri, tutti all’insegna della sostenibilità, il rispetto e la scoperta del meraviglioso ambiente naturalistico.
A partire da martedì 4 luglio, le settimane in Oasi saranno così caratterizzate:
  • ogni martedì e venerdì dalle ore 17.30, Escursioni e Passeggiate tematiche  con aperitivo al tramonto a km0 presso l’ECO_RISTORO del Centro Visite, per scoprire la geomorfologia dei calanchi e i suoi tesori di biodiversità;
  • il mercoledì alle ore 18.00, spazio al benessere con la pratica dell’ Okido Yoga in Natura;
  • il giovedì, invece, accoglie la novità di questa edizione 2023: a partire dalle ore 17.30 arrivano i LABORATORI DI CUCINA TIPICA, per scoprire l’arte del cucinare bene e sano;
La settimana in Oasi si conclude con il Laboratori ludo-didattici per bambini (dai 6 anni in su) proposti ogni venerdì, in concomitanza con la passeggiata tematica ai calanchi: i più piccoli possono avvicinarsi ai temi della sostenibilità e conoscenza della cultura locale attraverso percorsi progettati su misura per loro.
Diversi anche gli eventi dedicati alla cultura con musica, teatro, feste e libri!
Per essere sempre aggiornati sugli eventi speciali non ancora calendarizzati restate connessi sulle nostre Pagine Social della Riserva e dello IAAP
Le attività, proposte in collaborazione con l’Associazione L’Istrice e le altre associazioni locali, sono tutte a prenotazione obbligatoria e con posti limitati.
Info e prenotazioni 3315799191
Calendario Estivo Atri 2023

Campi Estivi: In Famiglia per l’ORSO

Tornano ad Anversa degli Abruzzi i Campi WWF dedicati alla famiglia: il piacere di una vacanza nella terra dell’Orso.
Una proposta, questa, nata nell’ambito della campagna Orso 2×50 lanciata dal WWF in collaborazione con la Riserva Naturale Regionale e Oasi WWF Gole del Sagittario, l’Istituto Abruzzese per le Aree Protette WWF e il Comune di Anversa degli Abruzzi (AQ), luogo dove faranno base i campi.
campi orso 2023 Anversa
Ad accompagnare le famiglie in questa avventura sarà la guida esperta Samuele Giancarlini.
#oasiwwfgoledelsagittario #iaap #anversa #abruzzo #orso #campifamiglia #wwfitalia
copertina bio serranella

Biologico è… Natura

Scopriamo il valore dell’Agricoltura Biologica visitando le Oasi e i CEA del WWF

 

Il WWF Italia ha accolto l’invito di FederBio per una collaborazione finalizzata alla divulgazione del valore dell’agricoltura biologica per la conservazione della natura e la salute delle persone e del Pianeta.

WWF Italia e FederBio hanno sottoscritto da tempo un protocollo d’intesa per la realizzazione di iniziative comuni e questa attività vuole concretizzare questa collaborazione valorizzando il ruolo del sistema delle nostre Oasi per la sensibilizzazione dei cittadini sulle esternalità positive dell’agricoltura libera da sostanze chimiche di sintesi.

Le Strategie UE “Farm to Fork” e “Biodiversità 2030” indicano alcuni importanti obiettivi al 2030, tra cui il 25% della superficie agricola utilizzata (SAU) in Europa certificata in agricoltura biologica e la riduzone del 50% dell’uso dei pesticidi. Con la programmazione della nuova PAC 2023-2027 l’Italia ha deciso di anticipare al 2027 l’obiettivo del 25% di SAU in biologico, partendo da una percentuale del 17,4% al 2022. Il WWF Italia ha indicato la necessità di raggiungere un obiettivo più ambizioso puntando al 40% di SAU in biologico entro il 2030, al fine di ridurre in modo significativo l’impatto dell’agricoltura su specie e habitat naturali. Il Rapporto dell’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) “Transizione Ecologica Aperta. Dove va l’ambiente italiano?”, presentato in data 13 dicembre 2021, ha evidenziato come il principale fattore di minaccia per la biodiversità in Italia è rappresentato dalla distruzione, frammentazione, inquinamento ed alterazione degli habitat naturali a causa dell’agricoltura, che rappresenta la prima minaccia per le specie e gli habitat, a causa della sottrazione di habitat naturali, dell’inquinamento derivante dalle pratiche colturali intensive fortemente dipendenti dalle sostanze chimiche di sintesi (pesticidi e fertilizzanti chimici) e captazione delle acque per l’irrigazione.

L’agricoltura biologica, che esclude l’utilizzo delle sostanze chimiche di sintesi, rappresenta oggi il modello più avanzato di agricoltura sostenibile e la risposta più efficace per arrestare la perdita di biodiversità. Per raggiungere gli obiettivi ambiziosi di gestione dei terreni agricoli in agricoltura biologica è necessario aumentare la domanda dei prodotti biologici certificati da parte dei cittadini, aumentando la consapevolezza delle persone sul valore di una agricoltura non avvelenata dai pesticidi, non solo per la tutela della salute ma anche per la conservazione della natura.

Nasce così il progetto “BIOLOGICO E’…NATURA ! Scopriamo il valore dell’agricoltura biologica visitando le Oasi del WWF” sostenuto dal progetto BEING ORGANIC in EU.

Il progetto BEING ORGANIC in EU è una campagna di promozione proposta da FederBio in collaborazione con Naturland cofinanziata dall’Unione Europea ai sensi del regolamento UE n.1144/2014 e prevede un insieme articolato di azioni con l’obiettivo di migliorare la conoscenza, il prestigio e il consumo dei prodotti ortofrutticoli biologici verso i due paesi target: Italia e Germania. In particolare, il progetto intende:

• aumentare e rafforzare la considerazione da parte del consumatore verso
l’agricoltura biologica europea e la sua qualità;
• aumentare la consapevolezza e il riconoscimento del metodo e dello standard
dell’agricoltura biologica dell’UE;
• far conoscere il logo biologico dell’UE.

Il 31 marzo presso il Centro Visite dell’Oasi WWF Lago di Serranella Vi aspettiamo per il primo incontro.

locandina 31 marzo serranella

Diventa Volontario per il Tuo Territorio

Aperte le iscrizioni al corso “Operatore per la promozione e la tutela del territorio”

ORTONA – Senza partecipazione e senza la costruzione di una Comunità consapevole che agisce per un benessere durevole del proprio territorio le azioni di gestione di un’area protetta trovano difficoltà nell’essere pienamente efficaci. In questa direzione è necessario provare a dare strumenti e coinvolgere le persone nelle attività di promozione e tutela del territorio.

Da oggi è possibile iscriversi gratuitamente al Corso “Operatore per la promozione e la tutela del territorio” promosso dall’Amministrazione Comunale di Ortona in collaborazione e con la supervisione del WWF Abruzzo e organizzato dall’Istituto Abruzzese per le Aree Protette.

Il corso nasce, all’interno delle attività collegate alla gestione e al coordinamento scientifico delle Riserve Naturali Regionali Punta dell’Acquabella e Ripari di Giobbe, con l’obbiettivo di dare strumenti e stimoli a chi vuole approfondire le tematiche relative alla promozione e alla tutela del territorio e magari ipotizzare ed implementare percorsi, che potrebbero essere in futuro anche uno sbocco lavorativo, entrando in contatto con le realtà che da tempo operano nell’ambito della sostenibilità applicata e dei così detti “lavori verdi”, legati al mondo della aree protette e della valorizzazione degli elementi naturali e culturali del territorio.

«Si tratta di una ulteriore iniziativa volta a valorizzare le nostre due Riserve Regionali e a tutela del nostro territorio- sottolinea il sindaco Leo Castiglione– implementando cosi la politica ambientale messa in campo da questa amministrazione fin dal suo insediamento nel 2017. Un’amministrazione attenta e sempre pronta in ogni procedimento a rilevare le criticità e le eventuali ripercussioni negative di carattere ambientale, fino a ricorrere in giudizio contro la Regione, contrariamente a quanto avvenuto nelle amministrazioni precedenti. Questo corso inoltre vuole anche creare un “legame” più stretto e concreto tra la cittadinanza e le nostre Riserve».

«Le Comunità che vivono i territori di un’area protetta, siano essi residenti o cittadini temporanei di quel luogo, devono essere coinvolte a vario titolo, nella gestione, provando a farle diventare parte attiva – aggiunge la Delegata regionale del WWF Abruzzo Filomena Ricci – tra le azioni concrete che poniamo in essere quando veniamo chiamati a supportare le amministrazioni comunali questi percorsi sono la base su cui si cerca di stimolare crescita culturale e la nascita di esperienze occupazionali che rispettino gli equilibri della Natura facendoli propri».

Il corso avrà una durata di 25 ore, è rivolto ad un massimo di 30 iscritti, inizierà l’11 marzo e si concluderà entro aprile 2023. Si terrà parte in presenza e parte on line e prevede 3 webinar tematici, 1 visita di studio presso la Riserva Naturale Regionale/Oasi WWF “Calanchi di Atri”, lezioni in campo e terminerà con 3 laboratori di ideazione e progettazione.

L’iscrizione potrà essere fatta entro il 05 marzo 2023, compilando il modulo iscrizione corso, dopo aver preso visione dell’informativa sulla modalità di trattamento dei dati personali, inviando la propria candidatura via mail alla segreteria del corso all’indirizzo di posta elettronica segreteria@iaap.it

Verrà data la precedenza ai residenti nel Comune di Ortona e agli iscritti al WWF Italia.

avviso corso ortona

audioguida

A spasso con l’audioguida

25 podcast georeferenziati per conoscere e scoprire l’Oasi WWF Lago di Serranella

Conoscere meglio il proprio territorio, visitare la Riserva in autonomia, avere informazioni sui luoghi che si attraversano in bici o durante un trekking a piedi, dare informazioni anche a chi non può usare la vista queste alcune delle possibilità offerete dalle audioguide realizzate grazie al Comune di Altino e con il finanziamento della Regione Abruzzo.

riepilogo audioguide scosse

Grazie a questa audioguida si potrà esplorare il Percorso delle Lanche, un itinerario di circa 2 km che si snoda sulle riva del fiume Sangro alla confluenza con il fiume Aventino, dove si forma il lago di Serranella, in una delle parti più wild della Riserva Naturale Regionale Lago di Serranella.

Sono state realizzate 25 audioguide georeferenziate e altrettanti cartellini con qr code e grafica personalizzata. Questi sono fruibili sia attraverso la scansione dei qr code da qualsiasi smartphone sia installando l’applicazione Loquis per avere un’esperienza ancora più semplice e divertente grazie alla geolocalizzazione dello smartphone.
targhetta percorso lanche
L’audioguida è particolarmente consigliata alle famiglie a ai piccoli gruppi che visitano l’Oasi di Serranella senza il supporto di una guida esperta e consentirà la visita in autonomia a non vedenti e ipovedenti.
Le informazioni scientifiche e le curiosità delle audioguide di Serranella sono frutto di un lavoro di squadra tra esperti di promozione territoriale e i biologi e naturalisti dell’Oasi.
Le audioguide sono fruibili anche attraverso il portale loquis.com, la prima piattaforma al mondo di Travel Podcasting, ovvero una piattaforma di podcast dedicati ai viaggi e ai viaggiatori, dove ogni contenuto audio viene geo-localizzato e contribuisce a creare uno storytelling unico del mondo reale.
cover WWD 2023

Un Fiume di Meraviglie – WWD2023

Escursioni guidate, laboratori didattici, osservazioni guidate in occasione della Giornata Mondiale delle Zone Umide a Serranella

Le Zone Umide (laghi, stagni, paludi, fontanili, risorgive, torbiere, etc) hanno un’importanza chiave per la biodiversità e per questo sono anche importantissime per la sopravvivenza dell’uomo.
Le Zone Umide sono serbatoi di carbonio e aiutano a contrastare il cambiamento climatico, sono fondamentali per la loro azione di depurazione delle acque, protezione da inondazioni, fornitura di fibre e materiali, oltre ad ospitare migliaia di specie (animali e vegetali) legate a questi meravigliosi habitat.
Lago di Serranella

Anche quest’anno la Riserva e Oasi WWF Lago di Serranella, celebra la Giornata mondiale delle zone umide (2 febbraio) con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica e le scuole sul loro valore, l’importanza di proteggerle e gestirle adeguatamente, ripristinarle laddove le abbiamo distrutte, e imparare ad amarle per la loro bellezza e la loro valenza.

Per il IV anno consecutivo le attività organizzate dallo IAAP-WWF presso il Lago di Serranella in occasione della Giornata Mondiale delle Zone Umide hanno visto il riconoscimento di MedWet1 e il supporto finanziario dell’OFB, l’Ufficio Francese per la Biodiversità (Ente del Governo Francese).

Questo il programma delle attività:

programma Giornata Zone Umide

Le attività sono gratuite con prenotazione obbligatoria e per Maggiori informazioni si può visitare la Pagina Facebook della Riserva Regionale “Lago di Serranella”: Oasi @OasiWwfLagoDiSerranella o contattare tramite SMS e Whatsapp la Cooperativa Terracoste (333/7971892 – 339/7384228).

attività erasmus+

Aree Protette e Inclusione Giovanile

Partirà da Borrello il progetto triennale finanziato dal programma Erasmus+ ARCI Chieti

Verranno da Portogallo, Spagna, Slovacchia, Serbia, Bosnia Erzegovina, Albania, Bulgaria e Romania, 22 tra educatori, responsabili di associazioni, ricercatori, coordinatori e volontari di associazioni, insieme alla delegazione italiana, per animare dal 13 al 16 ottobre 2022, i lavori del Seminario europeo “Protected Areas: a playground for the inclusion of young people”, prima tappa di un progetto triennale presentato da ARCI Chieti, con il supporto dell’Istituto Abruzzese per le Aree Protette (IAAP) che sarà incentrato su Inclusione Giovanile, Sostenibilità ed Economia Circolare con le Aree Protette al centro.

attività a Borrello
Le aree protette rivestono un’importanza fondamentale sottolinea Lino Salvatorelli, Presidente ARCI Provinciale Chieti sia per la protezione del cosiddetto “Capitale Naturale” ma anche per il benessere umano attraverso la fornitura dei Servizi Ecosistemici che includono aspetti ambientali, sociali, economici, culturali, infrastrutturali, ecc. Sopratutto, nelle aree geograficamente svantaggiate conclude Salvatorelli dove i servizi e le opportunità sono estremamente limitate risulta di grande importanza avviare e consolidare percorsi di interazione tra attori istituzionali, soggetti del terzo settore e i giovani.

Il seminario si svolgerà presso il Rifugio dei Sanniti, a Borrello dove ha sede la Riserva Naturale Regionale e Oasi WWF “Cascate del Verde” che sarà visitata dai partecipanti insieme all’altra Oasi WWF del Lago di Serranella per approfondire la conoscenza delle attività sviluppate al loro interno.

cascata Borrello

I lavori saranno incentrati sul confronto e sulla mutua conoscenza tra i partner e delle buone pratiche presenti nelle realtà di provenienza per definire e stabilire una piattaforma sulle cui basi raccogliere esempi e best practices e sviluppare i prossimi passi della collaborazione in vista del prossimo appuntamento che sarà realizzato nella primavera 2023 in Bulgaria.
Il patrimonio di conoscenza ed esperienze delle Riserve abruzzesi partner del Network evidenzia Andrea Natale, Coordinatore dello IAAP ha fatto si che tale progetto non potesse non iniziare dalla nostra Regione. Nonostante il presente con luci e ombre e le difficoltà esistenti le aree protette restano un punto di partenza utile per capire cosa fare per uscire dalle crisi più forti e mettere in atto percorsi di Comunità”.

Serranella dalla traversa

Il percorso progettuale finanziato dal programma europeo Erasmus+, attraverso l’Agenzia Nazionale per i Giovani, ha riconosciuto all’ARCI di Chieti, attraverso un accreditamento che avrà una durata di tre anni, la possibilità di agire concretamente con l’obiettivo principale di facilitare processi di inclusione sociale e cittadinanza attiva per i giovani residenti all’interno o in prossimità di aree protette, tramite i partner coinvolti, utilizzando le tematiche e gli strumenti dell’espressività artistica, dello sviluppo sostenibile e della protezione dell’ambiente.

L’accreditamento triennale riconosciuto all’ARCI di Chieti concludono Mario Serrao e Giorgio Micoli, Project Designers di ARCI Chieti al momento unica organizzazione in Abruzzo ad averlo ottenuto, prevede la realizzazione di 20 attività internazionali (Seminari, Visite di studio, Corsi di formazione, Scambi giovanili, Attività di partecipazione dei giovani) che coinvolgeranno circa 600 tra giovani, educatori, volontari, responsabili di associazioni, attivisti europei.

wwf header atri

Un mese con il WWF Abruzzo

A ottobre il corso di formazione per insegnanti e operatori

Si ripete anche quest’anno l’appuntamento del WWF Abruzzo con l’educazione ambientale: il corso per insegnanti e operatori sarà organizzato in modo itinerante tra i Centri di Educazione Ambientale (CEA) WWF e le Oasi WWF presenti nel territorio regionale durante tutto il mese di ottobre.

 

«I corsi, che trattano tematiche diverse ogni anno, saranno organizzati nei Centri di Educazione Ambientale WWF della nostra Regione, spesso ospitati all’interno di Riserve Naturali Regionali e Oasi WWF – dichiara Filomena Ricci, delegata del WWF Abruzzo. – Le tematiche riguardano essenzialmente il rapporto dell’uomo con la natura, con gli animali, con le foreste, con i fiumi, le relazioni nel mondo naturale, gli insetti impollinatori e la biodiversità. Il punto di forza della proposta è nel metodo che si propone, che fa da anni la differenza nell’approccio educativo che da anni promuoviamo: le attività si basano su esperienze laboratoriali, ludiche, di scoperta da parte di alunni e visitatori. Gli insegnanti potranno avere stimoli e spunti per accompagnare i ragazzi in iniziative che li portino a osservare la natura che li circonda partendo dalle loro esperienze concrete e ipotizzando insieme soluzioni di buone pratiche rispettose della natura che siano personali e praticabili.”

 

Il WWF è accreditato dal Ministero dell’Istruzione come Ente di formazione docenti e il corso del WWF Abruzzo sarà presente sulla piattaforma del WWF Italia “One planet school” (https://oneplanetschool.wwf.it/). Ai partecipanti ai corsi saranno consegnati attestati di presenza.

 

Per le informazioni specifiche sul corso, sui singoli appuntamenti e per la prenotazione (obbligatoria e necessaria) bisogna contattare i singoli CEA.

Mese educazione ambientale WWF

Faggeta Monte Pallano

NFEE: Giovani e sviluppo delle Comunità locali

Quarto appuntamento internazionale del progetto Erasmus+ a Tornareccio

Dal 21 al 30 luglio 35 giovani europei, di età compresa tra i 18 e i 30 anni, provenienti da Italia, Regno Unito, Bulgaria, Bosnia Erzegovina, Montenegro e Albania realizzeranno principalmente attività legate ai Bio Indicatori, all’Educazione Outdoor e alla Comunicazione Ambientale avendo come principale “terreno di azione la ZSC (Zona di Conservazione Speciale – ex SIC) di “Monte Pallano e Lecceta d’Isca d’Archi”.

rocce monte pallano

Il Progetto Erasmus+ “Non formal environmental education to enhance youth inclusion and participation” (NFEE) è organizzato dall’ARCI di Chieti con il supporto e il partenariato dell’Agenzia Nazionale per i Giovani, il Comune di Tornareccio, l’Istituto Abruzzese per le Aree Protette (IAAP), il Circolo Legambiente “Geo” di Atessa, il Centro di Educazione Ambientale Casanatura Fontecampana e si propone di creare un percorso educazionale, conoscitivo, formativo ed esperienziale basato sui principi dell’educazione non formale combinati con gli strumenti dell’educazione ambientale e le tematiche dello sviluppo sostenibile al fine di valorizzare il cosiddetto “capitale naturale” per favorire pratiche di dinamizzazione e partecipazione all’interno delle comunità locali nonché la partecipazione al coinvolgimento diretto e all’inclusione sociale dei giovani.

persone trenino erasmus+

Il progetto intende rispondere da un lato alle esigenze di inclusione, cittadinanza attiva e sviluppo personale dei giovani europei, dall’altro alla necessità di rendere il lavoro giovanile sul campo più qualificato e capace di intercettare i bisogni del target di riferimento.
Il progetto, inoltre, trova le sue radici sul territorio di Tornareccio grazie al protocollo d’intesa stipulato tra il Comune di Tornareccio, l’ARCI di Chieti, l’Istituto Abruzzese per le Aree Protette e il Circolo Legambiente Geo di Atessa che prevede, tra l’altro, di “accrescere la cultura della sostenibilità ambientale e tutela della biodiversità, favorendo e implementando le attività educative, di promozione e di sensibilizzazione ambientale, nonché di valorizzazione delle aree protette”.