persone dentro una tenda geodetica

SENC in Belgio

Scambio Giovanile su Impresa Sociale e Capitale Naturale

Sono iniziati i lavori dello scambio giovanile internazionale Erasmus+ Youth che l’ARCI di Chieti, in collaborazione con l’Istituto Abruzzese per le Aree Protette (IAAP), sta organizzando in Belgio presso la fattoria eco-pedagogica “Le Fagotin” di Stoumont, all’interno dell’area protetta Parc naturel des Sources nelle Ardenne. Al progetto stanno partecipando 37 fra group leader e giovani partecipanti provenienti da Italia, Belgio, Slovacchia, Bosnia Erzegovina, Romania e Bulgaria.

paesaggio rurale Ardenne nel Belgio

Dorian Kempeneers, direttore di “Le Fagotin”, dichiara che “L‘approccio generale dell’attività è quello di evidenziare i legami tra Impresa Sociale e Capitale Naturale affrontando un elemento comune a tutti i nostri Paesi e realtà: il cibo e i suoi elementi correlati, come gli stili di vita di qualità e gli standard ambientali. Allo stesso tempo, l’obiettivo principale è quello di sviluppare nuovi metodi su come coinvolgere i giovani nello sviluppo sostenibile delle nostre comunità.

La parte centrale del percorso educativo durante lo Scambio Giovanile”, spiega Giorgio Micoli Group Leader dell’ARCI di Chieti e persona di riferimento del progetto, “sarà rappresentata da attività pratiche e laboratori alimentari: durante i primi due giorni, chiederemo direttamente al gruppo di partecipanti di realizzare, guidati dal team di “Le Fagotin”, alcune attività pratiche sul cibo come la cucina silvestre, la mungitura delle capre e la produzione di burro e di formaggio, la conservazione del cibo. Successivamente, 4 workshop verranno realizzati sulla base dell’esperienza delle attività pratiche sul cibo: Realizzazione di moduli educativi, Start-up di imprese sociali, Campagne di marketing, Strumenti di comunicazione

Andrea Natale, coordinatore dello IAAP, conclude che “Le imprese sociali rispondono ai bisogni degli individui e delle comunità rappresentando un’attività economica inclusiva di utilità sociale e quindi un valore aggiunto nello sviluppo locale attraverso il lavoro di rete e il coinvolgimento diretto, la promozione di un benessere sostenibile che garantisca servizi, pari opportunità e la riduzione delle disuguaglianze. L’intero processo intende avere un impatto sulle aree rurali all’interno e/o in prossimità di aree protette attraverso lo sviluppo di nuovi progetti economici sostenibili in grado di compensare le limitate opportunità esistenti.

Gruppo di persone in Belgio

Lo Scambio Giovanile terminerà il prossimo 5 maggio con la partenza di tutte le delegazioni. Il progetto è realizzato grazie al supporto del Programma Erasmus+ e dell’Agenzia Italiana per la Gioventù.

Faggeta Monte Pallano

Paesaggi e Habitat del Territorio

Giornata di studio sulle aree protette

Le Oasi WWF Gole del Sagittario e Calanchi di Atri tornano tra i banchi universitari per riflettere sulla gestione delle aree protette, qualità ecologica della rete delle aree naturali della Regione Abruzzo nel contesto di forti mutamenti in atto (non solo climatici).
L’iniziativa è promossa nell’ambito della collaborazione tra Dipartimento di Architettura e WWF.
Gli interventi avranno lo scopo di ampliare la conoscenza, tra i giovani studenti, del patrimonio naturale e culturale regionale, con particolare riferimento al ruolo del WWF nella gestione e tutela delle Oasi di Atri e di Anversa degli Abruzzi (Riserva Naturale Regionale Oasi WWF Calanchi di AtriRiserva Naturale e Oasi WWF Gole del Sagittario).
La giornata di studio è organizzata nell’ambito delle attività didattiche del Corso di Urbanistica 1 (gruppo prof. di Venosa – Corso di Laurea Magistrale in Architettura-Università G. d’Annunzio-Pescara) e del Corso di Laurea in Scienze dell’Habitat Sostenibile.
Locandina 14 marzo
Borello 1

Inclusione e mobilità giovanile a L’Aquila

Incontro di presentazione dei progetti Erasmus+ Youth

Nell’ambito delle attività di networking, insieme ad ARCI Chieti, saremo presenti a L’Aquila presso l’Università, Dipartimento di Medicina clinica, sanità pubblica, scienze della vita e dell’ambiente (MESVA) per incontrare gli studenti e per parlare delle opportunità fornite dalla progettazione in essere per quanto riguarda l’inclusione giovanile nella gestione delle aree protette sia come parte attiva dei processi di cittadinanza attiva, sia come opportunità di lavoro all’interno di imprese sociali e nell’ambito dei cosidetti green jobs.

locandina l'aquila 28 febbraio

 

immagine Borrello

Aree Protette e Inclusione Giovanile a Borrello

Corso di Formazione Erasmus+ “Protected Areas: a playground for the inclusion of young people”

Continua l’impegno di ARCI Chieti e IAAP in relazione al coinvolgimento dei gioivani utilizzando le Aree Protette, 32 tra educatori, responsabili di associazioni, ricercatori, coordinatori e volontari di associazioni che provengono da Italia, Portogallo, Spagna, Slovacchia, Serbia, Bosnia Erzegovina, Albania, Bulgaria e Romania, che stanno realizzando un corso di formazione europeo intitolato “Protected Areas: a playground for the inclusion of young people” iniziato lo scorso 28 settembre, terza tappa di un progetto triennale presentato da ARCI Chieti, con il supporto dell’Istituto Abruzzese per le Aree Protette (IAAP) che sarà incentrato su Inclusione Giovanile, Sostenibilità ed Economia Circolare.

Borello 1

Le aree protette rivestono un’importanza fondamentale – sottolinea Mario SERRAO, Presidente di ARCI Chieti – sia per la protezione del cosiddetto “Capitale Naturale” ma anche per il benessere umano attraverso la fornitura dei Servizi Ecosistemici che includono aspetti ambientali, sociali, economici, culturali, infrastrutturali, ecc. Sopratutto, nelle aree geograficamente svantaggiate – conclude Serrao – dove i servizi e le opportunità sono estremamente limitate risulta di grande importanza avviare e consolidare percorsi di interazione tra attori istituzionali, soggetti del terzo settore e i giovani”.

Il corso di formazione sta avendo luogo a Borrello presso il Rifugio dei Sanniti e la Riserva Naturale Regionale e Oasi WWF “Cascate del Verde”.

Giorgio MICOLI, coordinatore del progetto, precisa che “i lavori sono incentrati sull’acquisizione di nuove competenze, abilità e metodologie attraverso un percorso educativo svolto a diretto contatto con la natura e le aree circostanti di Borrello utilizzando metodi di Educazione Non Formale. Parte principale del corso sono tre laboratori pratici ambientali (Creazione di moduli educativi, Coinvolgimento della comunità, Identità visuale della Riserva Naturale) al fine di testare sul campo le nuove competenze acquisite e migliorare uno sviluppo comunitario sostenibile. Inoltre, in un paio di sessioni di lavoro specifiche, verrà stabilito un insieme di possibilità su come sfruttare le conoscenze e le competenze acquisite a Borrello in contesti locali e internazionali, al fine di rappresentare il punto di partenza della piattaforma metodologica ed educativa che verrà applicata durante i prossimi progetti che verranno realizzati nel 2024 in Italia e in Bosnia Erzegovina.

Il patrimonio di conoscenza ed esperienze delle Riserve abruzzesi partner del Network – evidenzia Andrea NATALE, Coordinatore dello IAAP – ha fatto si che tale progetto non potesse non essere realizzato nella nostra Regione. Nonostante il presente con luci e ombre e le difficoltà esistenti le aree protette restano un punto di partenza utile per capire cosa fare per uscire dalle crisi più forti e mettere in atto percorsi di Comunità”.

Il percorso formativo realizzato dal Corso di Formazione verrà condiviso con la comunità di Borrello giovedì 5 ottobre presso la Vetrina della Riserva a partire dalle ore 17:30.

wwf header atri

Mese dell’educazione ambientale del WWF Abruzzo

Torna anche nel 2023 il Corso di aggiornamento per docenti e operatori di Centri di Educazione Ambientale

Con l’avvio dell’anno scolastico, i Centri di Educazione Ambientale, le Oasi e le strutture locali del WWF Abruzzo organizzano un ciclo di incontri di formazione per insegnanti di ogni ordine e grado e per operatori del settore.

Quest’anno il Corso di formazione (ricordiamo che il WWF Italia è ente accreditato dall’allora Ministero dell’Istruzione per la formazione del personale scolastico) si svolgerà in ottobre, e verterà sul “rapporto uomo-natura” con particolare attenzione alla sempre maggiore presenza della fauna selvatica vicino alle aree urbane e ai fattori che favoriscono tale fenomeno.

Comunicazioni fuorvianti fanno pensare a questa vicinanza come qualcosa di estremamente pericoloso per l’incolumità pubblica, mentre spesso gli animali si spingono sempre più vicino a causa anche di una serie di errori commessi dall’uomo. Per questo è essenziale, con interventi di esperti, spiegarne le cause e gli effetti, far capire come sia possibile la convivenza con la fauna selvatica e quali sono i comportamenti corretti da tenere. Gli incontri potranno avere anche carattere multidisciplinare.

Sono previsti 6 appuntamenti della durata di 4 ore:

  1. martedì 3 ottobre nella Riserva Naturale Regionale e Oasi WWF Calanchi di Atri,
  2. mercoledì 4 ottobre presso il Museo Universitario di Chieti.
  3. giovedì 5 ottobre presso la Casa della Legalità e dell’Ambiente a Teramo.
  4. venerdì 6 ottobre nella Riserva Naturale Regionale e Oasi WWF Lago di Serranella.
  5. sabato 7 ottobre nella Riserva Naturale Regionale di Punta Aderci.
  6. sabato 14 ottobre Riserva Naturale Regionale e Oasi WWF Lago di Penne.

Saranno toccati aspetti diversi come mare e costa, montagna, bosco, ambiente umido, area urbana.
Con l’occasione saranno presentate le diverse attività pensate per le scuole e proposte dalle varie
strutture WWF.
La partecipazione al corso è gratuita.

È possibile seguire tutti i corsi o scegliere quello o quelli di interesse.
Per informazioni generiche scrivere a abruzzo@wwf.it. Per informazioni specifiche sui singoli corsi e per i programmi dettagliati delle giornate contattare direttamente la struttura WWF di riferimento.

I corsi sono pubblicati sulla piattaforma S.O.F.I.A. attraverso la quale si può anche procedere con l’iscrizione. Alla fine di ogni corso sarà rilasciato un attestato di partecipazione.

L’esperienza del WWF nelle scuole è un percorso iniziato oltre 40 anni fa, che vede l’Associazione impegnata per diffondere nei ragazzi l’amore per l’ambiente in cui vivono e il rispetto per tutte le specie viventi, attività per le quali ha ricevuto molteplici riconoscimenti. Tematiche che oggi sono quanto mai attuali e inserite nei percorsi dell’Educazione civica.

Negli anni sono stati oltre un milione e 250mila gli alunni che hanno utilizzato i programmi didattici del WWF, mentre sono oltre 15mila gli insegnanti che hanno scelto i percorsi educativi dell’associazione. In Abruzzo, sono presenti sei Centri di Educazione Ambientale (CEA) legati al WWF, molti dei quali all’interno delle Oasi WWF e Riserve Naturali Regionali, e quattro strutture territoriali che accolgono studenti e insegnanti per iniziative di formazione e attività esperienziali in natura.

Educazione ambientale wwf 2023

Visuale del lago della Serranella con intorno gli alberi

Corso per Volontari a Serranella: aperte le iscrizioni!

Diventa Volontario per il Tuo Territorio

BRECCIAIO – Dopo le recenti esperienze di Orsogna e Ortona, la III edizione del Corso approderà presso la Riserva Naturale Regionale e Oasi WWF Lago di Serranella.

Da oggi e fino al 22 settembre sarà possibile iscriversi gratuitamente al Corso “Operatore per la promozione e la tutela del territorioorganizzato dall’Istituto Abruzzese per le Aree Protette, promosso dalla Riserva, dai Comuni Gestori (Casoli, Altino e Sant’Eusanio del Sangro) e in collaborazione con il WWF Abruzzo.

Avviso Corso Serranella

 

Per iscriversi bisognerà scaricare e compilare il modulo d’iscrizione, firmarlo e inoltralo a mezzo posta elettronica all’indirizzo: segreteria@iaap.it entro 22/09/2023.

L’obbiettivo del corso, all’interno del percorso avviato anche con i progetti Erasmus+ (Social Enterprise and Natural Capital: an opportunity fo young people and local communities e Protected Areas: a playground for the inclusion of young people) è quello di dare strumenti e stimoli a chi vuole approfondire le tematiche relative alla promozione e alla tutela del territorio e magari ipotizzare ed implementare percorsi, che potrebbero diventare in futuro anche uno sbocco lavorativo, entrando in contatto con le realtà che da tempo operano nell’ambito della sostenibilità applicata e dei così detti “lavori verdi”, legati al mondo della aree protette e della valorizzazione degli elementi naturali e culturali del territorio.

Senza partecipazione e senza la costruzione di una Comunità consapevole che agisce per un benessere durevole del proprio territorio le azioni di gestione di un’area protetta trovano difficoltà nell’essere pienamente efficaci. In questa direzione è necessario provare a dare strumenti e coinvolgere le persone nelle attività di promozione e tutela del territorio.

Diventa Volontario per il Tuo Territorio

Aperte le iscrizioni al corso “Operatore per la promozione e la tutela del territorio”

ORTONA – Senza partecipazione e senza la costruzione di una Comunità consapevole che agisce per un benessere durevole del proprio territorio le azioni di gestione di un’area protetta trovano difficoltà nell’essere pienamente efficaci. In questa direzione è necessario provare a dare strumenti e coinvolgere le persone nelle attività di promozione e tutela del territorio.

Da oggi è possibile iscriversi gratuitamente al Corso “Operatore per la promozione e la tutela del territorio” promosso dall’Amministrazione Comunale di Ortona in collaborazione e con la supervisione del WWF Abruzzo e organizzato dall’Istituto Abruzzese per le Aree Protette.

Il corso nasce, all’interno delle attività collegate alla gestione e al coordinamento scientifico delle Riserve Naturali Regionali Punta dell’Acquabella e Ripari di Giobbe, con l’obbiettivo di dare strumenti e stimoli a chi vuole approfondire le tematiche relative alla promozione e alla tutela del territorio e magari ipotizzare ed implementare percorsi, che potrebbero essere in futuro anche uno sbocco lavorativo, entrando in contatto con le realtà che da tempo operano nell’ambito della sostenibilità applicata e dei così detti “lavori verdi”, legati al mondo della aree protette e della valorizzazione degli elementi naturali e culturali del territorio.

«Si tratta di una ulteriore iniziativa volta a valorizzare le nostre due Riserve Regionali e a tutela del nostro territorio- sottolinea il sindaco Leo Castiglione– implementando cosi la politica ambientale messa in campo da questa amministrazione fin dal suo insediamento nel 2017. Un’amministrazione attenta e sempre pronta in ogni procedimento a rilevare le criticità e le eventuali ripercussioni negative di carattere ambientale, fino a ricorrere in giudizio contro la Regione, contrariamente a quanto avvenuto nelle amministrazioni precedenti. Questo corso inoltre vuole anche creare un “legame” più stretto e concreto tra la cittadinanza e le nostre Riserve».

«Le Comunità che vivono i territori di un’area protetta, siano essi residenti o cittadini temporanei di quel luogo, devono essere coinvolte a vario titolo, nella gestione, provando a farle diventare parte attiva – aggiunge la Delegata regionale del WWF Abruzzo Filomena Ricci – tra le azioni concrete che poniamo in essere quando veniamo chiamati a supportare le amministrazioni comunali questi percorsi sono la base su cui si cerca di stimolare crescita culturale e la nascita di esperienze occupazionali che rispettino gli equilibri della Natura facendoli propri».

Il corso avrà una durata di 25 ore, è rivolto ad un massimo di 30 iscritti, inizierà l’11 marzo e si concluderà entro aprile 2023. Si terrà parte in presenza e parte on line e prevede 3 webinar tematici, 1 visita di studio presso la Riserva Naturale Regionale/Oasi WWF “Calanchi di Atri”, lezioni in campo e terminerà con 3 laboratori di ideazione e progettazione.

L’iscrizione potrà essere fatta entro il 05 marzo 2023, compilando il modulo iscrizione corso, dopo aver preso visione dell’informativa sulla modalità di trattamento dei dati personali, inviando la propria candidatura via mail alla segreteria del corso all’indirizzo di posta elettronica segreteria@iaap.it

Verrà data la precedenza ai residenti nel Comune di Ortona e agli iscritti al WWF Italia.

avviso corso ortona