audioguida

A spasso con l’audioguida

25 podcast georeferenziati per conoscere e scoprire l’Oasi WWF Lago di Serranella

Conoscere meglio il proprio territorio, visitare la Riserva in autonomia, avere informazioni sui luoghi che si attraversano in bici o durante un trekking a piedi, dare informazioni anche a chi non può usare la vista queste alcune delle possibilità offerete dalle audioguide realizzate grazie al Comune di Altino e con il finanziamento della Regione Abruzzo.

riepilogo audioguide scosse

Grazie a questa audioguida si potrà esplorare il Percorso delle Lanche, un itinerario di circa 2 km che si snoda sulle riva del fiume Sangro alla confluenza con il fiume Aventino, dove si forma il lago di Serranella, in una delle parti più wild della Riserva Naturale Regionale Lago di Serranella.

Sono state realizzate 25 audioguide georeferenziate e altrettanti cartellini con qr code e grafica personalizzata. Questi sono fruibili sia attraverso la scansione dei qr code da qualsiasi smartphone sia installando l’applicazione Loquis per avere un’esperienza ancora più semplice e divertente grazie alla geolocalizzazione dello smartphone.
targhetta percorso lanche
L’audioguida è particolarmente consigliata alle famiglie a ai piccoli gruppi che visitano l’Oasi di Serranella senza il supporto di una guida esperta e consentirà la visita in autonomia a non vedenti e ipovedenti.
Le informazioni scientifiche e le curiosità delle audioguide di Serranella sono frutto di un lavoro di squadra tra esperti di promozione territoriale e i biologi e naturalisti dell’Oasi.
Le audioguide sono fruibili anche attraverso il portale loquis.com, la prima piattaforma al mondo di Travel Podcasting, ovvero una piattaforma di podcast dedicati ai viaggi e ai viaggiatori, dove ogni contenuto audio viene geo-localizzato e contribuisce a creare uno storytelling unico del mondo reale.

 

cover WWD 2023

Un Fiume di Meraviglie – WWD2023

Escursioni guidate, laboratori didattici, osservazioni guidate in occasione della Giornata Mondiale delle Zone Umide a Serranella

Le Zone Umide (laghi, stagni, paludi, fontanili, risorgive, torbiere, etc) hanno un’importanza chiave per la biodiversità e per questo sono anche importantissime per la sopravvivenza dell’uomo.
Le Zone Umide sono serbatoi di carbonio e aiutano a contrastare il cambiamento climatico, sono fondamentali per la loro azione di depurazione delle acque, protezione da inondazioni, fornitura di fibre e materiali, oltre ad ospitare migliaia di specie (animali e vegetali) legate a questi meravigliosi habitat.
Lago di Serranella

Anche quest’anno la Riserva e Oasi WWF Lago di Serranella, celebra la Giornata mondiale delle zone umide (2 febbraio) con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica e le scuole sul loro valore, l’importanza di proteggerle e gestirle adeguatamente, ripristinarle laddove le abbiamo distrutte, e imparare ad amarle per la loro bellezza e la loro valenza.

cover WWD 2023

Per il IV anno consecutivo le attività organizzate dallo IAAP-WWF presso il Lago di Serranella in occasione della Giornata Mondiale delle Zone Umide hanno visto il riconoscimento di MedWet1 e il supporto finanziario dell’OFB, l’Ufficio Francese per la Biodiversità (Ente del Governo Francese).

Questo il programma delle attività:

programma Giornata Zone Umide

Le attività sono gratuite con prenotazione obbligatoria e per Maggiori informazioni si può visitare la Pagina Facebook della Riserva Regionale “Lago di Serranella”: Oasi @OasiWwfLagoDiSerranella o contattare tramite SMS e Whatsapp la Cooperativa Terracoste (333/7971892 – 339/7384228).

 

Orizzonte Tornareccio

Capitale naturale ed impresa sociale: opportunità per i giovani e le Comunità locali

Ancora insieme ad ARCI Chieti impegnati a Tornareccio con i progetti Erasmus+

Concluso oggi il progetto che ha visto i 22 partecipanti, provenienti da Italia, Belgio, Polonia, Slovacchia, Germania, Croazia, Serbia, Bulgaria e Romania, impegnati a Tornareccio nella Visita studio del progetto SENC “Capitale Naturale ed Impresa Sociale: opportunità per i giovani e le Comunità locali”.

Atri Cisterna

Il progetto, promosso dall’ARCI di Chieti, in partenariato e in collaborazione con l’Istituto Abruzzese per le Aree Protette (IAAP) e il Comune di Tornareccio, è organizzato nell’ambito del programma Erasmus+ Youth per il quale l’ARCI Chieti è stata accreditata, unica associazione in Abruzzo, con una progettualità triennale complessa che prevede la realizzazione di cinque incontri internazionali.

Attraverso un percorso educazionale, formativo ed esperienziale di Educazione Non Formale” afferma Giorgio MICOLI dell’ARCI di Chieti “intendiamo accrescere competenze e conoscenze su come sviluppare l’imprenditorialità sociale nel quadro del capitale naturale al fine di stimolare l’impegno concreto dei giovani con minori opportunità, la riflessione sul proprio ruolo sociale e la partecipazione al processo di sviluppo e crescita socioeconomica delle comunità.”

Le aree protette rivestono un’importanza fondamentale per la protezione del Capitale Naturale e per il benessere umano – spiega Andrea NATALE, coordinatore dello IAAP – considerando nel complesso la fornitura di Servizi Ecosistemici ambientali, sociali, economici, culturali ed infrastrutturali. Per questo risulta importante avviare e consolidare percorsi di interazione tra queste aree ed i giovani al fine di facilitare processi di sviluppo personale, di coinvolgimento attivo e di dinamizzazione ed inclusione per sopperire alle limitate o scarse possibilità esistenti.

Borrello 25 novembre

Mario SERRAO, presidente dell’ARCI di Chieti, precisa che “La visita di studio di Tornareccio rappresenta la prima attività del progetto e il suo obiettivo generale, grazie a visite interattive sul campo, incontri con gli stakeholder locali, sessioni di lavoro e attività di pianificazione, è quello di esplorare, conoscere e acquisire esempi positivi, buone pratiche ed esperienze di successo realizzate nella regione Abruzzo in generale e nel comprensorio di Tornareccio in particolare, da enti pubblici ed associazioni che hanno messo in relazione l’impresa sociale e il capitale naturale e hanno rappresentato un’opportunità per facilitare processi di inclusione e coinvolgimento dei giovani nella loro comunità locale.

Per il Sindaco di Tornareccio, Nicola IANNONE, “L’impresa sociale soddisfa le esigenze individuali e delle comunità rappresentando un’attività economica inclusiva di utilità sociale e quindi un valore aggiunto nello sviluppo locale attraverso il fare rete ed il coinvolgimento diretto, la promozione di un benessere durevole che garantisca servizi, pari opportunità e riduzione delle diseguaglianze. Tornareccio e il suo territorio possono senz’altro fornire esempi positivi e di ispirazione per gli ospiti europei. Ancora una volta” conclude il Sindaco Iannone “la comunità tornarecciana è lieta di ospitare una progetto europeo e di contribuire, con la peculiarità del proprio territorio, alla formazione e alla crescita di competenze e conoscenze di operatori giovanili, educatori, volontari e di coloro che intendono sviluppare processi inclusivi per i giovani.

LAvori TOrnareccio

La programmazione di ARCI Chieti e IAAP insieme ai partners europei riprenderà nel 2023 sui tre Asset principali sempre con i giovani, le loro Comunità e il Capitale Naturale al centro.

Per informazioni potete seguirci sulle nostre pagine Facebook (Arci Officine Culturali o Istituto Abruzzese per le Aree Protette) o scrivere a segreteria@iaap.it

 

Giovani e aree rurali

A Tornareccio concluso il progetto Erasmus+ YOPEDRIA

Scambio giovanile organizzato e promosso dall’ARCI di Chieti in collaborazione con l’Istituto Abruzzese per le Aree Protettee il Comune di Tornareccio il progetto YOPEDARIA:YOung PEople for the Development of Rural and Isolated Areas”  ha visto la partecipazione di 32 ragazzi italiani, polacchi, serbi, belgi, bosniaci e montenegrini, nella splendida cornice di Tornareccio, dal 29 ottobre al 7 novembre grazie al sostegno del programma Erasmus+/Youth.

Foto 2 novembre a Monte Pallano
Il progetto” riferisce Giorgio MICOLI dell’ARCI di Chieti “ha rappresentato un’opportunità pratica e concreta per rispondere alle esigenze di condivisione di esperienze e di realizzazione di un percorso formativo-educazionale per ragazze e ragazzi interessati allo sviluppo di attività giovanili per chi vive in aree rurali, montane e, più in generale, geograficamente svantaggiate.

Durante la permanenza a Tornareccio, i ragazzi europei hanno realizzato 3 laboratori tematici, WebRadio, Sorytelling, Graffiti, sui temi dell’apicoltura, del recupero della memoria storica, delle aspirazioni e delle esigenze della vita giovanile nelle aree rurali.

La comunità di Tornareccio” dice il Sindaco, Nicola IANNONEè stata coinvolta sin dal principio mettendo a disposizione dei giovani ospiti racconti, storie e documenti legati alla memoria del paese e alle sue peculiarità culturali, ambientali ed economiche come l’apicoltura, il museo a cielo aperto dei mosaici, l’area di Monte Pallano e così via.

Andrea NATALE dell’Istituto Abruzzese per le Aree Protette (IAAP), partner del progetto, esprime la sua soddisfazione. “I giovani europei hanno lasciato ai cittadini di Tornareccio un patrimonio artistico-culturale di graffiti, fumetti, video, clip audio sulla loro storia vista con occhi di giovani che per circa 10 giorni si sono immersi nella comunità tornarecciana apprezzandone e conoscendone fatti, eventi e storie”.

I risultati del progetto sono stati condivisi il 5 novembre scorso nella sala polifunzionale di Tornareccio.

Foto 5 novembre2
Ancora una volta” afferma Mario SERRAO dell’ARCI di Chieti “i cittadini di Tornareccio ci hanno accolti con il loro calore, aprendo le porte delle loro case e quelle della loro memoria a ragazzi europei che ricorderanno a lungo la loro permanenza in Italia. Desideriamo, inoltre, ringraziare non solo i tornarecciani ma anche l’amministrazione comunale che ha creduto nel progetto e nei suoi valori garantendo la positiva riuscita degli obiettivi che ci eravamo prefissati”.

Non è finita qui, Tornareccio sarà ancora protagonista a livello europeo con un nuovo progetto Erasmus che l’ARCI di Chieti realizzerà nella seconda metà di novembre sui temi dell’imprenditoria sociale e del capitale naturale.

Siamo orgogliosi” conclude il Sindaco Nicola IANNONE “di rendere Tornareccio, grazie anche alla collaborazione stipulata con l’ARCI e con lo IAAP, un punto di riferimento a livello europeo promuovendo le bellezze del territorio, la sua storia e i suoi prodotti come un esempio positivo da conoscere, valorizzare e proteggere”.

Foto 5 novembre

attività erasmus+

Aree Protette e Inclusione Giovanile

Partirà da Borrello il progetto triennale finanziato dal programma Erasmus+ ARCI Chieti

Verranno da Portogallo, Spagna, Slovacchia, Serbia, Bosnia Erzegovina, Albania, Bulgaria e Romania, 22 tra educatori, responsabili di associazioni, ricercatori, coordinatori e volontari di associazioni, insieme alla delegazione italiana, per animare dal 13 al 16 ottobre 2022, i lavori del Seminario europeo “Protected Areas: a playground for the inclusion of young people”, prima tappa di un progetto triennale presentato da ARCI Chieti, con il supporto dell’Istituto Abruzzese per le Aree Protette (IAAP) che sarà incentrato su Inclusione Giovanile, Sostenibilità ed Economia Circolare con le Aree Protette al centro.

attività a Borrello
Le aree protette rivestono un’importanza fondamentale sottolinea Lino Salvatorelli, Presidente ARCI Provinciale Chieti sia per la protezione del cosiddetto “Capitale Naturale” ma anche per il benessere umano attraverso la fornitura dei Servizi Ecosistemici che includono aspetti ambientali, sociali, economici, culturali, infrastrutturali, ecc. Sopratutto, nelle aree geograficamente svantaggiate conclude Salvatorelli dove i servizi e le opportunità sono estremamente limitate risulta di grande importanza avviare e consolidare percorsi di interazione tra attori istituzionali, soggetti del terzo settore e i giovani.

Il seminario si svolgerà presso il Rifugio dei Sanniti, a Borrello dove ha sede la Riserva Naturale Regionale e Oasi WWF “Cascate del Verde” che sarà visitata dai partecipanti insieme all’altra Oasi WWF del Lago di Serranella per approfondire la conoscenza delle attività sviluppate al loro interno.

cascata Borrello

I lavori saranno incentrati sul confronto e sulla mutua conoscenza tra i partner e delle buone pratiche presenti nelle realtà di provenienza per definire e stabilire una piattaforma sulle cui basi raccogliere esempi e best practices e sviluppare i prossimi passi della collaborazione in vista del prossimo appuntamento che sarà realizzato nella primavera 2023 in Bulgaria.
Il patrimonio di conoscenza ed esperienze delle Riserve abruzzesi partner del Network evidenzia Andrea Natale, Coordinatore dello IAAP ha fatto si che tale progetto non potesse non iniziare dalla nostra Regione. Nonostante il presente con luci e ombre e le difficoltà esistenti le aree protette restano un punto di partenza utile per capire cosa fare per uscire dalle crisi più forti e mettere in atto percorsi di Comunità”.

Serranella dalla traversa

Il percorso progettuale finanziato dal programma europeo Erasmus+, attraverso l’Agenzia Nazionale per i Giovani, ha riconosciuto all’ARCI di Chieti, attraverso un accreditamento che avrà una durata di tre anni, la possibilità di agire concretamente con l’obiettivo principale di facilitare processi di inclusione sociale e cittadinanza attiva per i giovani residenti all’interno o in prossimità di aree protette, tramite i partner coinvolti, utilizzando le tematiche e gli strumenti dell’espressività artistica, dello sviluppo sostenibile e della protezione dell’ambiente.

L’accreditamento triennale riconosciuto all’ARCI di Chieti concludono Mario Serrao e Giorgio Micoli, Project Designers di ARCI Chieti al momento unica organizzazione in Abruzzo ad averlo ottenuto, prevede la realizzazione di 20 attività internazionali (Seminari, Visite di studio, Corsi di formazione, Scambi giovanili, Attività di partecipazione dei giovani) che coinvolgeranno circa 600 tra giovani, educatori, volontari, responsabili di associazioni, attivisti europei.

wwf header atri

Un mese con il WWF Abruzzo

A ottobre il corso di formazione per insegnanti e operatori

Si ripete anche quest’anno l’appuntamento del WWF Abruzzo con l’educazione ambientale: il corso per insegnanti e operatori sarà organizzato in modo itinerante tra i Centri di Educazione Ambientale (CEA) WWF e le Oasi WWF presenti nel territorio regionale durante tutto il mese di ottobre.

 

«I corsi, che trattano tematiche diverse ogni anno, saranno organizzati nei Centri di Educazione Ambientale WWF della nostra Regione, spesso ospitati all’interno di Riserve Naturali Regionali e Oasi WWF – dichiara Filomena Ricci, delegata del WWF Abruzzo. – Le tematiche riguardano essenzialmente il rapporto dell’uomo con la natura, con gli animali, con le foreste, con i fiumi, le relazioni nel mondo naturale, gli insetti impollinatori e la biodiversità. Il punto di forza della proposta è nel metodo che si propone, che fa da anni la differenza nell’approccio educativo che da anni promuoviamo: le attività si basano su esperienze laboratoriali, ludiche, di scoperta da parte di alunni e visitatori. Gli insegnanti potranno avere stimoli e spunti per accompagnare i ragazzi in iniziative che li portino a osservare la natura che li circonda partendo dalle loro esperienze concrete e ipotizzando insieme soluzioni di buone pratiche rispettose della natura che siano personali e praticabili.”

 

Il WWF è accreditato dal Ministero dell’Istruzione come Ente di formazione docenti e il corso del WWF Abruzzo sarà presente sulla piattaforma del WWF Italia “One planet school” (https://oneplanetschool.wwf.it/). Ai partecipanti ai corsi saranno consegnati attestati di presenza.

 

Per le informazioni specifiche sul corso, sui singoli appuntamenti e per la prenotazione (obbligatoria e necessaria) bisogna contattare i singoli CEA.

Mese educazione ambientale WWF

Fiume Fiumetto COVAr

Fiume Fiumetto in Festa

domenica 18 settembre per festeggiare insieme

Il progetto della Provincia di Teramo “La sostenibilità in Comune – Azioni per la diffusione di buone pratiche e cambiamenti di stile di vita nei cittadini di Colledara”, finanziato nel quadro di Azione ProvincEgiovani, iniziativa promossa dall’UPI e finanziata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le politiche giovanili ed il Servizio Civile UniversaleProvinceGiovani, con il supporto operativo di WWF Teramo, Istituto Abruzzese per le Aree Protette e della Cooperativa Riscatto ha visto come centro focale il Comune di Colledara è in particolare la Riserva Naturale ad Interesse Provinciale – Parco territoriale attrezzato di Fiume Fiumetto, istituita nel 1990 e inserita nel sistema integrato delle aree protette della Regione Abruzzo, ma non ancora riconosciuta come Riserva Regionale.

Fiume Fiumetto

Obiettivo del progetto promuovere lo sviluppo locale attraverso la partecipazione dei giovani cercando di sviluppare nei partecipanti la volontà di diventare cittadini attivi e responsabili verso il proprio territorio dei veri e propri ambasciatori dei principi della sostenibilità nelle proprie attività quotidiane. Fiume Fiumetto, quindi, è stata un laboratorio all’aperto per l’implementazione   delle attività didattiche e………

  1. Promuovere la partecipazione attiva e il protagonismo dei giovani, valorizzando le capacita e la creatività delle nuove generazioni.
  2. Stimolare ii coinvolgimento delle comunità locale nelle attivita progettuali e supportarle in una crescita culturale verso i temi della sostenibilità
  3. Implementare strutture e servizi didattici della Riserva di Fiume Fiumetto cosi che possa svolgere pienamente la funzione di volano di attivita di educazione, formazione e divulgazione, ambientale.

Domenica 18 settembre “Fiume Fiumetto in Festa” sarà un momento di aggregazione per festeggiare l’estate che lentamente sta volgendo al termine e per condividere i risultati finali del progetto patrimonio oggi della Comunità di Colledara e dei Fruitori dell’Area.

Fiume Fiumetto in Festa

N.B. – di seguito trovate le attività realizzate all’interno del progetto:

  1. 1. Corso di formazione per giovani Training for trainers

Attività Corso di formazione per giovani (Training for trainers)  “AMBASCIATORI DELLA SOSTENIBILITÀ”

  1. 2. Attività con le scuole: La sostenibilità a Scuola

È stato coinvolto l’Istituto Comprensivo di Isola del Gran Sasso – Colledara e l’Istituto Comprensivo Civitella Torricella.  Complessivamente sono state coinvolte 10 classi per circa 200 bambini

  1. 3. Incontri con i cittadini: La sostenibilità fra la gente

Si sono svolti i seguenti 4 incontri:

• 30 luglio 2021: Green Friday: “La sostenibilità nel turismo: dalle teorie alle buone pratiche”.

Incontro presso la Riserva regionale dei Calanchi di Atri;

• 27 agosto 2021: Green Friday: “Cambiamenti climatici: un problema di tutti”. Incontro

presso il Parco Territoriale Attrezzato di Fiume Fiumetto a Colledara;

• 8 ottobre 2021: Green Friday: “Agricoltura e sostenibilità”. Incontro presso la Riserva

regionale dei Calanchi di Atri;

• 25 ottobre 2021: “Verso la COP26: Cambiamo noi per non cambiare il clima”. Incontro con

gli studenti presso l’Università degli Studi di Teramo.

  1. 4. Un CEA per Colledara

Il progetto ha consentito di offrire alla Riserva di Fiume Fiumetto tutte le strutture per renderla pronta ad ospitare attività di educazione alla sostenibilità per scuole e turisti. La Riserva di Fiume Fiumetto è stata dotata di alcuni strumenti e device digitali. Sono stati acquistati un decespugliatore, il tagliaerba ed una motosega strumenti necessari per una manutenzione rapida e efficace.

Sono stati realizzati:

  • giardino degli impollinatori
  • sentiero natura
  • nuovi pannelli didattici e nuove bacheche
  1. 5. Carta Turistica della Riserva

Abbiamo realizzato e stampato due carte ecoturistiche per la promozione del territorio della Riserva di Fiume Fiumetto e per la Riserva dei Calanchi di Atri

La carte contengono   tutte le informazioni necessarie per conoscere i territori protetti: le strutture delle Riserve, i sentieri, le strutture didattiche, la biodiversità floristica e faunistica ma anche le informazioni turistiche relative all’ospitalità.

Maggiori informazioni su: La sostenibilità in Comune – Provincia di Teramo APG 2020

 

Faggeta Monte Pallano

NFEE: Giovani e sviluppo delle Comunità locali

Quarto appuntamento internazionale del progetto Erasmus+ a Tornareccio

Dal 21 al 30 luglio 35 giovani europei, di età compresa tra i 18 e i 30 anni, provenienti da Italia, Regno Unito, Bulgaria, Bosnia Erzegovina, Montenegro e Albania realizzeranno principalmente attività legate ai Bio Indicatori, all’Educazione Outdoor e alla Comunicazione Ambientale avendo come principale “terreno di azione la ZSC (Zona di Conservazione Speciale – ex SIC) di “Monte Pallano e Lecceta d’Isca d’Archi”.

rocce monte pallano

Il Progetto Erasmus+ “Non formal environmental education to enhance youth inclusion and participation” (NFEE) è organizzato dall’ARCI di Chieti con il supporto e il partenariato dell’Agenzia Nazionale per i Giovani, il Comune di Tornareccio, l’Istituto Abruzzese per le Aree Protette (IAAP), il Circolo Legambiente “Geo” di Atessa, il Centro di Educazione Ambientale Casanatura Fontecampana e si propone di creare un percorso educazionale, conoscitivo, formativo ed esperienziale basato sui principi dell’educazione non formale combinati con gli strumenti dell’educazione ambientale e le tematiche dello sviluppo sostenibile al fine di valorizzare il cosiddetto “capitale naturale” per favorire pratiche di dinamizzazione e partecipazione all’interno delle comunità locali nonché la partecipazione al coinvolgimento diretto e all’inclusione sociale dei giovani.

persone trenino erasmus+

Il progetto intende rispondere da un lato alle esigenze di inclusione, cittadinanza attiva e sviluppo personale dei giovani europei, dall’altro alla necessità di rendere il lavoro giovanile sul campo più qualificato e capace di intercettare i bisogni del target di riferimento.
Il progetto, inoltre, trova le sue radici sul territorio di Tornareccio grazie al protocollo d’intesa stipulato tra il Comune di Tornareccio, l’ARCI di Chieti, l’Istituto Abruzzese per le Aree Protette e il Circolo Legambiente Geo di Atessa che prevede, tra l’altro, di “accrescere la cultura della sostenibilità ambientale e tutela della biodiversità, favorendo e implementando le attività educative, di promozione e di sensibilizzazione ambientale, nonché di valorizzazione delle aree protette”.

Leggere la Natura: torna il BioWatching

Tre giornate per scoprire tracce e impronte e capire i segni della Natura

In passato, quando l’uomo viveva nelle foreste ed in ambienti selvaggi e naturali, il saper “leggere” e interpretare la Natura e i suoi “segni” poteva fare la differenza tra la vita e la morte.
Riconoscere un passaggio sicuro, una pianta commestibile da una velenosa, capire dalle tracce se l’animale che le ha lasciate era pericoloso o meno.
Oggi che non dobbiamo più trarre direttamente sostentamento dalla Natura, la maggior parte di noi, ha perso le capacità che hanno tenuto in vita i nostri antenati (ma anche i nostri nonni nell’immediato dopoguerra conoscevano meglio di noi l’ambiente in cui vivevano e ne troviamo testimonianza nelle ricette della tradizione).
A grande richiesta, dopo il successo dell’anno scorso, torna il BioWatching!

Il bio-watching rifacendosi all’interpretazione della Natura è l’osservazione della biodiversità, la ricchezza della natura in tutte le sue forme; naturale estensione del birdwatching verso tutta la varietà di organismi viventi, nelle loro diverse forme, e nei rispettivi ecosistemi.

Il termine biowatching, nato da un’idea di Francesco Mezzatesta, significa “andare in natura” praticando l’escursionismo naturalistico. L’obiettivo non è camminare per arrivare come nel trekking tradizionale, ma passeggiare curiosi per osservare la biodiversità che si incontra camminando e soffermandosi a vedere e fotografare le tante sorprese che incontriamo negli ambienti in cui ci “avventuriamo”.

Tre gli incontri previsti a questa settimana, 21, 22 e 23 luglio, Parco Territoriale Attrezzato dell’Annunziata (Orsogna), Oasi WWF/Riserva Naturale Regionale Cascate del Verde (Borrello) e Parco delle Dune (Ortona).
Tre ambienti diversi, dal mare alle cascate, Eventi Gratuiti con prenotazione obbligatoria.
Ti aspettiamo. Hai solo l’imbarazzo della scelta 😉
Biowatching Orsogna
Biowatching Borrello
Biowatching Ortona
copertina viviamo oasi 2022

ViviAmo l’Oasi 2022 – L’estate a Serranella

Dal 22 luglio al 10 settembre corsi, attività e incontri per crescere insieme

Laboratori, passeggiate, escursioni per conoscere, capire e vivere la Natura e scoprire i prodotti e le meraviglie della Riserva Naturale Regionale/Oasi WWF Lago di Serranella.

Per conoscere i programmi dettagliati segui la pagina Facebook dell’Oasi

Tutti gli Eventi sono con PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA.

Per informazioni e prenotazioni SMS e Whatsapp ai numeri Info: 333/7971892 e 339/7384228.